calendario   facebook-1  twitter-1 googleplus  youtube  newsletterblack
Stampa

Con una foto contribuisci a fare l'archivio fotografico del PCI sardo.

Scritto da Federico Mercuri il .

Con una  foto   contribuisci a  fare  l'archivio  fotografico  del PCI  sardo.
Abbiamo  tante  foto  che  concorrono  a raccontare  una  grande storia

Caro  compagno,  cara  compagna,


l’archivio  storico  della   Fondazione  Enrico Berlinguer in  via  Emilia   a  Cagliari  raccoglie  migliaia  di  documenti del PCI-PDS-DS,  del  Comitato  Regionale,  delle  federazioni,  di tante organizzazioni territoriali,  di  dirigenti  che hanno  donato  i loro  fondi  archivistici.

E’ un  archivio  che  è  stato  riconosciuto,  con  tutti i  vincoli  di  tutela,  dalla  Soprintendenza  Archivistica della  Sardegna come  “Archivio  storico  di interesse particolare”. La sua costruzione ha  richiesto molto tempo e molto  lavoro perché     i materiali da recuperare erano dispersi  nelle diverse parti  dell’isola;  ma è stato un lavoro che era necessario affrontare.

Ora stiamo lavorando,  d’intesa  con l’Università di  Cagliari,   alla  sua  catalogazione.  Sono all’opera archivisti,  studenti  tirocinanti,  giovani ricercatori   che    stanno  catalogando e  sistemando  tutti i materiali  all’interno  di un progetto generale  di  riordino. Ci siamo anche impegnati ad intervenire sui locali affinché l’archivio sia ospitato in  un  ambiente  adeguato e  accogliente, e anche questa misura   richiede un notevole impegno organizzativo e  finanziario.

Con la  Cineteca  sarda  “Società  Umanitaria “  è stata sottoscritta una  convenzione per il recupero e il restauro  di oltre   150 tra pellicole   e cassette  audio e  audiovisive. Nei mesi  scorsi il pittore  Primo Pantoli   ha  donato  alla  Fondazione   gli originali  di oltre  100 manifesti  che lui ha realizzato per il PCI e la  sinistra sarda.

L’obiettivo  che  ci proponiamo ora  è  quello  di  completare il lavoro   con la  sezione  fotografica dell’archivio.   Disponiamo già di tante fotografie  ma puntiamo  ad  allargare  il patrimonio con l’aiuto e il  sostegno  di tante  compagne e  compagni  che  dispongono  di immagini  che  sono pezzi importanti  della  nostra  storia politica.  Ti  chiediamo  quindi, se  disponi  di  fotografie,  di farcele  avere.  Noi provvederemo,  con l’ausilio e  il lavoro  di un  fotografo professionista,   a  digitalizzarle e  a  stamparle  su  carta,  con il nome  del  donatore, la provenienza,  la data e il luogo  geografico e politico  delle  fotografie. Naturalmente ci sentiamo in dovere di garantirti, sin da adesso, che il materiale originale ti sarà restituito integro e nel più breve tempo possibile. Se il  materiale  di  cui  disponi  è  consistente  potrà essere lo stesso  fotografo  a  muoversi per operare presso il tuo domicilio.

Se ritieni di essere in grado di collaborare a questa opera collettiva e certamente meritoria potrai  contattarci  ai seguenti indirizzi o recapiti telefonici: 

via mail a fondazioneberlinguersardegna@gmail.conf.berria58@gmail.com

tel. Cagliari 070  7574162 -  Nuoro  0784 230647


per posta
Fondazione Enrico Berliguer Sardegna
via  Emilia   39 - Cagliari    09121








Allestire un grande  archivio   fotografico significa costruire un bene  di straordinario valore    storico e  culturale. A lavoro compiuto ci proponiamo    di  utilizzare il materiale raccolto per dare alle stampe  un catalogo e per allestire  una  grande  mostra  fotografica   da far  girare nelle  diverse parti  dell’isola. Tutto questo lavoro potrà essere portato a termine entro il 2018.

Alcuni  anni fa le  donazioni ricevute –  alle  condizioni  illustrate in questa lettera -  hanno  consentito  di realizzare la  mostra  fotografica e il  catalogo  “Berlinguer e la  Sardegna”.  Tutta  quella  raccolta,  anche la parte  non pubblicata,  arricchisce il nostro archivio ed è a disposizione dei ricercatori e degli studiosi.




In  attesa    di un tuo positivo riscontro,  ringraziandoti per l’attenzione,  ti inviamo i più  cordiali saluti.




Francesco Berria

Salvatore  Corona